Categories: Campania

Dimora d’Epoca La Zizzania e il Mandarino

Questa dimora è di proprietà della famiglia Finamore dalla seconda metà del ‘700. In origine era parte di un unico palazzotto, in seguito suddiviso tra i diversi fratelli. Nel 1806 il palazzo fu in parte distrutto da un incendio: la storia del paese,infatti, conserva il ricordo del sacco di Rocca ad opera delle truppe di Napoleone con a capo il generale Messena, quando persero la vita decine di cittadini. Sul portone dell’ingresso secondario della dimora, sono ancora visibili i fori dei proiettili che gli invasori spararono per entrarvi all’interno.
E’ un’antica struttura tipica del Parco Nazionale del Cilento, dell’architettura tradizionale locale mantiene ancora perfino gli elementi decorativi, recuperati nel restauro. L’intonaco di colore rosa, i decori che circondano le finestre, il massiccio portale in pietra sull’ingresso principale con gli accessori in rame, le travi in legno, le mattonelle, i caminetti, la fornacella, la scala, il giardino attrezzato con il vecchio pozzo, gli arredi.
L’ospite può certamente contare sulla familiare accoglienza dei padroni di casa, molto ospitali e discreti e che condividono con essi il salotto, il camino, il terrazzo, ma lasciando che ciascuno trovi nella casa una propria dimensione, lo spazio di cui ha bisogno, per distendersi e godere dello splendore della natura. Viene servita una ricca colazione a buffet, offerta sull’antica fornacella, che segna l’inizio della giornata, con l’energia e il sapore dei prodotti tipici, prima di inoltrarsi nel Parco, che fa parte del patrimonio dell’Unesco.
Questo frammento dell’antico palazzo si trova in posizione dominate rispetto al resto del paese, traccia dell’antico prestigio che la dimora rappresentava in passato.
La Zizzania e il Mandarino si trova a Rocchetta, in rione Santa Croce – croce che ancora oggi esiste, posizionata nell’angolo della piazzetta – al centro fra il monte Bulgheria, il mare e una vallata che si estende a perdita d’occhio. Al centro di un itinerario turistico che permette sia di raggiungere il mare, in venti minuti, ma soprattutto di scoprire le suggestioni del Cilento interno.
Nei dintorni si possono visitare:
Palinuro-Marina Di Camerota-Scario – Villaggi di pescatori. Litorale costiero seducente con luoghi di eccellenza come Punta Infreschi e la spiaggia del Buon dormire. Spiagge.
Paestum – Colonia della Magna Grecia risalente al 600 a.c., con le mura, i templi in ottimo stato di conservazione, dove si gode fra l’altro di un’ampia programmazione teatrale estiva, e il prestigioso museo che raccoglie reperti di rara bellezza.
Padula – Sede di una splendida certosa del 1300, che fa parte del patrimonio UNESCO. C’è un museo archeologico molto famoso.
Le Grotte di Pertosa o Dell’Angelo – Abitate da uomini preistorici 35 milioni di anni fa. Si percorrono a piedi o in barca. Lettura di passi della Divina Commedia di Dante Alighieri in costume.
Teggiano – Paese caratteristico con struttura medievale. Sede vescovile museo delle piante officinali.
Il Monte Cervati – Il monte più alto del Parco Nazionale del Cilento e di tutta la regione Campania,1898 metri, da scoprire con il trekking.
Monte Bulgheria – Alto 1200 metri, ricoperto di boschi di castagni e faggi. Ci sono oltre cento specie di orchidee, ed uccelli rapaci che intrigano i bird-watchers.
Monte Gelbison – Meta di pellegrinaggi al Santuario della Madonna Nera di Novi Velia.
San Severino di Centola – Paese completamente abbandonato, meta di passeggiate, anche notturne di comitive di amici. E’ avvolto da un alone di mistero.
Pisciotta–Marina di Pisciotta – Visita al borgo antico, stradine in pietra e antiche case.
Camerota – Visita al borgo antico.
Le Grotte di Castelcivita – L’intero complesso speleologico è uno dei più importanti dell’Italia Meridionale. Le grotte si estendono per una lunghezza di 5000 metri, di questi 1500 sono illuminati.
Laurino – Museo archeologico, Centro storico, Teatro in palazzo; Fenomeno carsico della Grava di Vesalomorigerati – Grotte del fiume Bussento oasi WWF.
Muoli della Civitella Il Guerriero dell’Antecepollica – Museo del mare
Policastro – Duomo.
Velia – Sito archeologico Patrimonio dell’UNESCO.

Giovanni Putignano

Share
Published by
Giovanni Putignano

Recent Posts

Restaurants in Ceglie Messapica

The city of Ceglie Messapica in Puglia has a long culinary tradition. Were born on the territory, over the years,…

2 anni ago

Masseria Santa Lucia Molise

Masseria Santa Lucia si trova in Molise ad Agnone in provincia di Isernia in Contrada Santa Lucia, 23. Dispone di 4…

3 anni ago

Expo 2015 Hotel Vicino

Oggi viene inaugurato l'Expo 2015 che si svolgerà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015. Trovare per Expo…

3 anni ago

Agriturismo San Marzano Oliveto

Cerchi un agriturismo a San Marzano Oliveto, piccolo comune in provincia di Asti in Piemonte? Ti proponiamo 2 strutture: Cascina…

3 anni ago

Agriturismi Nizza Monferrato

Nizza Monferrato è un comune piemontese in provincia di Asti. Se cerchi un agriturismo a Nizza Monferrato ecco una lista:…

3 anni ago

Dove Dormire a Ceglie Messapica

La città di Ceglie Messapica in provincia di Brindisi offre una una varietà di alloggi dove dormire suddivisi tra alberghi,…

3 anni ago

This website uses cookies.